Guardare agli ultimi per includere (davvero) tutti. In dialogo con Silvia Landra

Alle radici del problema. Ricucire le ferite

Cambiare sguardo! Questo l’invito più forte a cui la “Laudato Si'” ci richiama. Ma cosa significa, concretamente? Una  possibile risposta ci è stata offerta da SILVIA LANDRA – psichiatra penitenziario, psicoterapeuta e formatrice presso la Casa della Carità di Milano – in occasione del quarto appuntamento del percorso SPES-WEB.

Alternando profondità e leggerezza, Silvia Landra ha ripercorso i diversi luoghi del suo impegno professionale e civile, aiutandoci a riconoscere nella fragilità degli ultimi le nostre stesse fragilità e suggerendo una via preziosa per riprogettare le modalità del nostro essere comunità: pensare ai bisogni degli ultimi per attivare politiche capaci di includere (davvero) tutti.

Una puntata del percorso SPES_web davvero preziosa; se ve la siete persa, qui potete rivederla.

↓↓↓  guarda il video ↓↓↓

Per approfondire:

• Silvia Landra: Dall’esclusione all’inclusione sociale. Esperienze e soluzioni possibili

• Silvisa Landra: La radicalizzazione di un conflitto urbano e il processo di guarigione possibile

• Per saperne di più: Cos’è la Casa della Carità?

 

Condividi questo articolo

Facebooktwitterlinkedinmail

Segui la SPES sui social

Facebooktwitterrssyoutube